• RSS
  • youtube
Home  -  Cultura  -  Cinema  -  Al cinema  -  Giovane e bella, il fugace ritratto di adolescenza di François Ozon

Giovane e bella, il fugace ritratto di adolescenza di François Ozon

Marine Vacth è la baby prostituta del film del regista francese, studio di gioventù precoce sfumato e dai rari sussulti emotivi

Giovane e bella, il fugace ritratto di adolescenza di François Ozon Giovane e bella, il fugace ritratto di adolescenza di François Ozon
Marine Vacth in "Giovane e bella"
Credits: Bim Distribuzione

Tag:  baby prostitute Giovane e bella Marine Vacth

di Simona Santoni

A diciassett'anni non si può esser seri,
se ci son verdi tigli lungo la passeggiata.

Così scriveva Arthur Rimbaud. Non a caso i suoi versi sono analizzati nelle lezioni frequentate dalla diciassettenne Isabelle, la giovane protagonista di Giovane e bella, il nuovo film di François Ozon già presentato in concorso al Festival di Cannes e dal 7 novembre nelle sale italiane. Isabelle è interpretata dall'attrice e modella francese di avvenenza sublime Marine Vacth. È un'adolescente che sta sbocciando come donna. Sente il suo corpo in cambiamento e tutte le capacità seduttive in rigoglio. Nel primo rapporto sessuale con un ragazzo, durante le vacanze estive, scopre come può dare piacere e nello stesso tempo sentirsi distante da quella ragazza lì nuda che è lei stessa. Si sente quasi sdoppiata e da lì probabilmente matura il suo futuro.

Senza un perché apparente, senza alcuna necessità economica, decide di prostituirsi e diventa Lea. Si concede in albergo a uomini di tutte le età, pretendendo laute cifre: è come se volesse dare un valore economico, alto, al suo corpo. Come se volesse scoprire quanto un uomo sia disposto a dare per averla, quanto la sua bellezza può.

Tra i suoi clienti si distingue Georges (Johan Leysen), molto attento e gentile, l'unico che si lascia andare a qualche confidenza sulla sua famiglia. La osservano intanto sua madre (Géraldine Pailhas) e il suo compagno (Frédéric Pierrot) e il fratellino (Fantin Ravat) che la adora.

Ogni stagione della vita di Isabelle è accompagnata da una canzone della cantante francese Françoise Hardy. È la terza volta che Ozon ricorre a suoi brani, aveva già usato Traüme in Gocce d’acqua su pietre roventi e Message personnel in 8 donne e un mistero. "Quello che amo in particolare nelle sue canzoni è la sua capacità di trascrivere l’essenza dell’amore adolescenziale, un amore infelice, disilluso, romantico", ha raccontato il regista francese. 

I brani utilizzati in Giovane e bella sono L'amour d'un garçon, À quoi ça sert, Première rencontre e Je suis moi.

Ozon intanto lascia fluire la narrazione senza giudizio. È un osservatore e probabilmente, come la madre di Isabelle e lo spettatore, anche lui non capisce le motivazioni che spingono Isabelle. Il mistero dell'adolescenza si muove sotto il suo sguardo.

Isabelle non prova vergogna per quello che fa, non è pentita neanche quando viene scoperta e i suoi occhi sono fieri e provocatori di fronte alla madre e al patrigno. Forse sarà un improvviso intervento esterno, inaspettato, a distoglierla: è questa la parte più alta del film ed è affidata a Charlotte Rampling

Ozon, che sempre si distingue per originalità di visione, ci consegna uno studio sfumato e temperato di gioventù precoce che genera però pochi sussulti. Giovane e bella sembra animato da una qualità effimera che evapora man mano che scorrono i suoi 94 minuti. Marine Vacth non è bella, è bellissima, ma la sua interpretazione è similmente fugace: usciti dal cinema rimane impressa la sua grazia fine e generosa ma non una sua qualche emozione.

  • Vai a:
     
     
    ©RIPRODUZIONE RISERVATA
Commenti

Speciali

Video Hot

    • I mille giorni di Matteo Renzi

      Dall'account twitter al sito internet passodopopasso.italia.it: la conferenza stampa del premier e la patologia dell'annuncite 

    • Il tesoretto di Cottarelli

      La spending review del commissario punta alla riduzione delle oltre 10 mila partecipate locali da cui possono arrivare 500 milioni già nel 2015. E, in tre anni, oltre 3 miliardi - I mille giorni di Renzi - E intanto è deflazione