• RSS
  • youtube
Home  -  Cultura  -  Cinema  -  Cannes 2013, i vincitori: Palma d'oro alla storia d'amore lesbo "La vie d'Adèle"

Cannes 2013, i vincitori: Palma d'oro alla storia d'amore lesbo "La vie d'Adèle"

Trionfa alla Croisette il film del tunisino Abdellatif Kechiche. Premiate anche le protagoniste Léa Seydoux e Adèle Exarchopoulos

Cannes 2013, i vincitori: Palma d'oro alla storia d'amore lesbo "La vie d'Adèle" Cannes 2013, i vincitori: Palma d'oro alla storia d'amore lesbo "La vie d'Adèle"
Il regista Abdellatif Kechiche con le attrici Adèle Exarchopoulos (a destra) e Léa Seydoux (Ansa/EPA/Guillaume Horcajuelo)

Tag:  Abdellatif Kechiche Adèle Exarchopoulos Cannes 2013 Léa Seydoux

di Simona Santoni

Il Festival di Cannes si chiude incoronando con la Palma d'Oro la storia d'amore lesbico La vie d'Adèle - Chapitre 1 & 2  (Blue Is the Warmest Color) del regista tunisino Abdellatif Kechiche. Il film aveva raccolto applausi e aveva fatto anche scalpore sulla Croisette per l'esplicita scena di sesso tra le attrici francesi Adèle Exarchopoulos e Léa Seydoux, premiate anche loro, in via eccezionale, con la Palma d'Oro. È stato lo stesso presidente della giuria Steven Spielberg ad annunciare la decisione inusuale. La pellicola racconta l'attrazione che una quindicenne prova per un'artista più grande di lei e disinibita, dai capelli blu, e la successiva iniziazione all'amore pieno, passionale e fisico. In Italia uscirà in autunno distribuita da Lucky Red.
Delusione per La grande bellezza di Paolo Sorrentino, unico film italiano in concorso. 

Ecco tutti i premi consegnati:

- Palma d'oro: La vie d'Adèle - Chapitre 1 & 2 (Blue Is the Warmest Color) di Abdellatif Kechiche e, in via eccezionale, anche alle due protagoniste del film, Léa Seydoux e Adèle Exarchopoulos.

- Grand Prix: Inside Llewyn Davis di Ethan e Joel Coen  

- Migliore Regia: Amat Escalante per il film Heli  

- Premio della Giuria: Soshite chichi ni naru (Like Father, Like Son) di Hirokazu Kore-Eda

- Migliore attore: Bruce Dern per Nebraska di Alexander Payne

- Migliore attrice: Bérénice Bejo per Le passé di Asghar Farhadi

- Migliore sceneggiatura: Jia Zangh Ke per Tian Zhu Ding (A touch of Sin)

- Palma d'oro per il miglior cortometraggio: Safe di Byoung-Gon Moon 

- Menzione speciale cortometraggi (ex aequo) 37° 4 S dell'italiano Adriano Valerio e Hvalfjordur (Whale Valley) di Gudmundur Arnar Gudmundsson

- Camera d'or (migliore opera prima): Ilo Ilo di Anthony Chen (dalla Quinzaine)

  • Vai a:
     
     
    ©RIPRODUZIONE RISERVATA
Commenti


Speciali

Video Hot

    • Renzi gioca a poker sul Senato, ma FI...

      Il premier con un sms al capogruppo del Pd fa saltare la trattativa con Sel sull'Italicum. Poi rassicura Denis Verdini. La maratona procede, ma si rischia sempre l'incidente  

    • Anche i super ricchi piangono (con Pu...

      La guerra in Ucraina ha avuto un impatto negativo sull’economia e la tragedia del volo MH17 potrebbe peggiorare le cose - Le sanzioni alla Russia? Un boomerang per l'Europa