• RSS
  • youtube
Home  -  Cultura  -  Libri  -  John E. Williams, Stoner, il libro di oggi

John E. Williams, Stoner, il libro di oggi

Tag:  fazi-editore Google News I libri della settimana John E. Williams Stoner

di Luigi Gavazzi

Libri da mettere sul comodino. John E. Williams, Stoner , Fazi.

Ammetto che questo libro finisce dritto dritto sul mio comodino soprattutto grazie a Irene Bignardi che ha scritto, domenica 11 marzo su la Repubblica, una di quelle recensioni che tutti noi lettori sogniamo di scrivere: sintetica, precisissima, capace di mostrare l'anima del romanzo.

Insomma, la mia recensione preferita della settimana.

Stoner è stato pubblicato per la prima volta nel 1965 ed è stato ripescato dall'oblio nel 2006 dalle edizioni della New York Review of Books. Ora in Italia ci pensa Fazi a proporcelo nella traduzione di Stefano Tummolini.

Leggete la recensione di Bignardi, introduzione perfetta a questo romanzo: io vi ricordo solo un paio di cose.

Intanto che la Nyrb, nella sua presentazione del volume, dice che William Stoner, l'eroe del romanzo emerge non solo come l'archetipo di americano, ma anche come improbabile eroe esistenziale, che si staglia come una figura di un dipinto di Edward Hopper. E, se ci pensate, è una definizione che ci apre un mondo.

Prima la scheda del libro dell'editore italiano:

Stoner è il racconto della vita di un uomo tra gli anni Dieci e gli anni Cinquanta del Novecento: William Stoner, figlio di contadini, che si affranca quasi suo malgrado dal destino di massacrante lavoro nei campi che lo attende, coltiva la passione per gli studi letterari e diventa docente universitario. Si sposa, ha una figlia, affronta varie vicissitudini professionali e sentimentali, si ammala, muore. E’ un eroe della normalità che negli ingranaggi di una vita minima riesce ad attingere il senso del lavoro, dell’amore, della passione che dà forma a un’esistenza.

Questa invece Irene Bignardi:

[Stoner è protagonista di un singolare romanzo che] racconta una vita fallita. Perché racconta una storia che non si muove dal suo baricentro. Perché registra una vicenda umana così simile a tante da non essere, all'apparenza, interessante. E da esserlo proprio perché nella gentilezza e nella non reattività del protagonista riconosciamo le mille vite non avventurose, modeste, sbagliate, moderatamente infelici, ma senza lasciare traccia, che abbiamo incrociato.

La scheda dell'autore di Fazi

John Edward Williams (1922-1994), nato in Texas da una famiglia di contadini, partecipò alla seconda guerra mondiale in India e Birmania. Al suo rientro si trasferì a Denver, in Colorado, dove rimase tutta la vita insegnando all’Università. Oltre a Stoner è autore di tre romanzi: Nothing but the night(1948), Butcher’s Crossing (1960, di prossima pubblicazione da Fazi Editore) e Augustus (Castelvecchi, 2010), vincitore del National Book Award.

@gruppodilettura

  • Vai a:
     
     
    ©RIPRODUZIONE RISERVATA
Commenti



Speciali

Video Hot

    • Berlusconi, ecco la sua campagna elet...

      Tanta tv, per frenare la massiccia presenza di Renzi, web, radio e comizi, con il permesso dei giudici - Le parole di Berlusconi  - Tutti i candidati  - Foto  - Analisi  

    • Padoan, la Ue e la fine dell'austerità

      Se Bruxelles accettasse la richiesta italiana di rinviare il pareggio di bilancio al 2016, significherebbe la fine del rigore tedesco - Le lettere - Il via libera al Def