• RSS
  • youtube
Home  -  Cultura  -  Libri  -  Andrea Camilleri e il suo nuovo libro: 'La rivoluzione della luna'

Andrea Camilleri e il suo nuovo libro: 'La rivoluzione della luna'

È un romanzo storico l’ultima fatica dello scrittore di Porto Empedocle, che racconta la Sicilia del Seicento attraverso la storia di una donna molto speciale

Andrea Camilleri e il suo nuovo libro: 'La rivoluzione della luna' Andrea Camilleri e il suo nuovo libro: 'La rivoluzione della luna'

Particolare della copertina de La rivoluzione della luna, il nuovo romanzo di Andrea Camilleri

Credits: Sellerio
di Andrea Bressa

Sono ventisette i giorni che impiega la Luna per compiere un’orbita completa, e lo stesso breve periodo di tempo è stato sufficiente alla marchesa Eleonora de Moura per passare alla storia. È ciò che racconta l’instancabile Andrea Camilleri (attualmente ai primi posti di vendita con Il tuttomio , per Mondadori) nel suo nuovo romanzo La rivoluzione della luna , edito da Sellerio.

Lo scrittore prende spunto da un fatto storico: il 16 aprile 1677 il governo della Sicilia venne affidato per la prima e unica volta a una donna, Eleonora de Moura appunto, duchessa di Nocera e marchesa di Castel Rodrigo, vedova del Viceré Aniello de Gusman, che in punto di morte nominò suo successore proprio la giovane moglie.

Anche se rimase al potere per un brevissimo lasso di tempo, la Viceregina riuscì a conquistare gli isolani, emanando una serie di provvedimenti rivoluzionari per l’epoca, come l’abbassamento del prezzo del pane o l’alleggerimento delle tasse per le famiglie numerose. Fece anche molta attenzione alla condizione delle sue suddite rimettendo in piedi, per esempio, il Conservatorio per le vergini pericolanti e quello per le vecchie prostitute. O ancora, creò il Conservatorio delle Maddalene pentite e la cosiddetta Dote Regia, pensata per le ragazze di famiglia povera che si dovevano sposare.

La de Moura venne destituita per opera del Vescovo di Palermo, il quale seppe trovare il giusto appiglio giuridico per eliminare politicamente un personaggio tanto scomodo quanto rivoluzionario.

Attraverso questa storia, Camilleri porta il lettore nella Sicilia del Seicento, giocando come al solito con il linguaggio (il suo “vigatese”) e facendo parlare i personaggi con il solito tocco di teatralità che contraddistingue la scrittura del papà di Montalbano . Suspense, colpi di scena e intrighi di corte non mancano nella narrazione, che vuol essere anche una sorta di omaggio alla donna e alla sua sensibilità.

Ne La rivoluzione della luna si può scorgere anche una riflessione sulle lotte e i meccanismi interni al potere, dinamiche che spesso affossano le esigenze di cambiamento e giustizia sociale, e che sono ancora presenti nella nostra contemporaneità.

------------------

- La rivoluzione della luna – Andrea Camilleri (Sellerio)
- Il tuttomio – Andrea Camilleri (Mondadori)

  • Vai a:
     
     
    ©RIPRODUZIONE RISERVATA
Commenti



Speciali

Video Hot

    • Via i segreti di Stato sulle stragi....

      L’altra faccia della medaglia della lodevole iniziativa di Palazzo Chigi è avere gli stessi dubbi e ancor meno chiarezza di prima. E inimicarci i servizi segreti alleati

    • Bonus Irpef, cosa prevede il decreto

      80 euro al mese tondi fino a dicembre per i contribuenti con reddito fino a 24 mila euro. I soldi arriveranno da tagli ai ministeri, dalla tassazione delle rendite e delle banche e dalla lotta all'evasione