• RSS
  • youtube
Home  -  Cultura  -  Libri  -  Premio Strega 2013, vince Walter Siti: la classifica finale

Premio Strega 2013, vince Walter Siti: la classifica finale

Con Resistere non serve a niente sbaraglia la concorrenza. Secondo Alessandro Perissinotto

Premio Strega 2013, vince Walter Siti: la classifica finale Premio Strega 2013, vince Walter Siti: la classifica finale
Walter Siti, il vincitore del LXVII Premio Strega, festeggia con in mano una bottiglia formato magnum di Liquore Strega, Roma, 5 luglio 2013 (Ansa / Ex Libris)

Tag:  Premio Strega Premio Strega 2013 Walter Siti

di Simona Santoni

Nella cinquina dei finalisti era secondo, ma ieri sera Walter Siti, a Villa Giulia a Roma ha sbaragliato la concorrenza con 165 voti vincendo il Premio Strega 2013 con il libro Resistere non serve a niente, edito da Rizzoli.

"Non dedico il premio a nessuno in particolare. Ci sono persone a cui tengo e spero il libro sia stato scritto per loro" ha detto lo scrittore emiliano.

Su 460 aventi diritto hanno votato in 412, dei quali 168 elettronicamente; 3 le schede bianche.

La sfida è stata sul secondo posto conquistato per un soffio da Alessandro Perissinotto con Le colpe dei padri  (Piemme), 78 voti. Soltanto un voto in più di Paolo Di Paolo con Mandami tanta vita  (Feltrinelli), 77 voti, seguito da Romana Petri con Figli dello stesso padre (Longanesi). Ultima Simona Sparaco con Nessuno sa di noi  (Giunti), 26 voti.

Il seggio è stato presieduto da Alessandro Piperno vincitore della scorsa edizione del premio. La competizione non è stata per nulla all'ultimo voto come si pensava alla vigilia. Grande assente al Ninfeo il nuovo sindaco di Roma Ignazio Marino, presente invece l'ex sindaco Gianni Alemanno, che è venuto a votare e poi si è seduto al tavolo della casa editrice Piemme (Gruppo Mondadori). Vicino al tavolo Rizzoli anche l'ex sindaco Francesco Rutelli, abbronzatissimo, con la moglie Barbara Palombelli. Al tavolo Rcs, Paolo Mieli, Cesare Romiti e a quello della Longanesi il presidente amministratore delegato del gruppo Gems, Stefano Mauri e Giacomo Marramao.

Assente, nonostante quest'anno abbia un suo autore in cinquina, anche Inge Feltrinelli, che ha sempre animato con la sua presenza le serate del Premio Strega. Tra i tavoli a salutare gli amici anche Stefano Rodotà e Antonio Padellaro.

Walter Siti, poco prima dell'apertura dello spoglio aveva sottolineato: "Mi sono dato perdente già da ieri. È una bella tattica per restare tranquillo. Un esercizio zen. Tutto quello che viene è in più. Ho pregato fin dall'inizio il mio editore di non informarmi e di tenermi fuori dai meccanismi del premio perché mi rendeva ansioso". Mentre Romana Petri, già in passato in cinquina allo Strega, sottolinea che "questo non è un premio per donne né giovani né vecchie. È dura, fate il calcolo: considerate il numero degli Strega e vedrete quante donne hanno vinto. È anche un premio dove non si cambia quasi mai l'editore vincente".

Difende invece lo Strega lo scrittore Francesco Piccolo che i rumor degli ultimi giorni davano già per vincitore della prossima edizione, nel 2014, dello Strega, che ironizzava: "Se mi danno quest'anno il premio sono contento. Sto lavorando al nuovo libro ma non voglio dire nulla. Sono sempre stato tra quelli che non criticano l'atmosfera dello Strega, è come andare ad una grande festa". Dacia Maraini, seduta al tavolo Rizzoli, ha criticato invece la diretta tv trasmessa su Rai 1. "Mi piaceva quando era più semplice e casalingo. Comunque vengo a vedere alcuni amici e a votare".

Ecco la classifica finale:

1) Walter Siti, Resistere non serve a niente (Rizzoli), 165 voti
2) Alessandro Perissinotto, Le colpe dei padri (Piemme), 78 voti
3) Paolo Di Paolo, Mandami tanta vita (Feltrinelli), 77 voti
4) Romana Petri, Figli dello stesso padre (Longanesi), 73 voti
5) Simona Sparaco, Nessuno sa di noi (Giunti), 26 voti

  • Vai a:
     
     
    ©RIPRODUZIONE RISERVATA
Commenti

Speciali

Video Hot

    • I mille giorni di Matteo Renzi

      Dall'account twitter al sito internet passodopopasso.italia.it: la conferenza stampa del premier e la patologia dell'annuncite 

    • Il tesoretto di Cottarelli

      La spending review del commissario punta alla riduzione delle oltre 10 mila partecipate locali da cui possono arrivare 500 milioni già nel 2015. E, in tre anni, oltre 3 miliardi - I mille giorni di Renzi - E intanto è deflazione