• RSS
  • youtube
Home  -  Cultura  -  Musica  -  Lucio Dalla: le sue canzoni più amate su Youtube

Lucio Dalla: le sue canzoni più amate su Youtube

La musica che ha segnato la storia del nostro Paese dagli anni '70 a oggi, nella visione democratica del web. Solo i brani migliori, più visti e ascoltati di sempre

Lucio Dalla: le sue canzoni più amate su Youtube Lucio Dalla: le sue canzoni più amate su Youtube
Credits: La Presse

Tag:  Google News loredana errore Lucio Dalla musica Pierdavide Carone

di Alessandro Alicandri

Lucio Dalla ha regalato alla musica italiana più di quanto alcuni riescano a immaginare. Nel momento massimo di discussione sulla sua fede e la sua omosessualità (reale, esposta senza autorizzazione, velata, esplicita), ripercorriamo invece i brani del suo repertorio, più amati dal pubblico italiano e mondiale (su Youtube). Non senza una nota polemica.

Stiamo ascoltando in radio le canzoni dell'artista con una forza e una frequenza che ha pochi paragoni con altre morti celebri, partendo da un presupposto fondamentale: Lucio Dalla in radio, prima della sua morte, era sostanzialmente ignorato.

A dimostrare lo scarso interesse, che poi diventa ipocrisia, verso il suo lavoro, è il fatto che la sua ultima opera, "Nanì" cantata da Pierdavide Carone, anche dopo la sua scomparsa non ha subito alcuna flessione positiva (secondo fonte Earone) nella messa in onda radiofonica.

Ora ecco le sue canzoni più apprezzate su Youtube, di sempre.

Primo posto per "Attenti al lupo". Brano scritto da Ron, è del 1990. È uno dei brani più divertenti e trasversali del suo repertorio, una hit che conquistò grandi e piccini. Sembra un pezzo nato ieri e invece ha già alle spalle più di 20 anni di storia. Divenne celebre e partecipò poi a Sanremo, la corista del brano Iskra Menarini.

Secondo posto per "Caruso". Qualcuno l'ha definita una delle più belle canzoni italiane in assoluto. Brano dell'86 inserito in "DallAmeriCaruso", è uno dei suoi brani di maggior successo anche all'estero con un seguito di cover di enorme popolarità, prime fra tutte quelle di Andrea Bocelli e Lara Fabian.

Terzo posto per "L'anno che verrà", un altro brano di grande popolarità e respiro. brano del '79 nell'album omonimo. Una raccolta del 2002 la chiamerà "Caro amico ti scrivo", il famosissimo incipit che rese celebre la canzone del cantautore.

Quarto posto per "Disperato erotico Stomp", uno dei brani di rottura dopo il suo esordio, un pezzo molto criticato estratto da "Com'è profondo il mare" del 1977.

Quinto posto per "Canzone". Il brano, scritto in collaborazione con Samuele Bersani , è della produzione più recente dell'artista. La canzone risale al 1996, inserito nell'album Canzone.

Sesto posto per "Futura". La canzone pubblicata nell'80 nell'album "Dalla", venne reinterpretata in formato cover nel '93 da Anna Oxa.

Settimo posto per "Anna e Marco". Brano simbolo del repertorio dell'artista, una delle più riprese in questi giorni nei social network, è stata pubblicata nel '79 e cantata insieme a Loredana Errore in un live molto apprezzato dai fan della cantante più eclettica di Amici di Maria De Filippi.

Ottavo posto per "4 marzo 1973", brano della sua terza partecipazione al Festival di Sanremo , è uno dei suoi brani più iconici, nota anche a livello internazionale. È uno dei cavalli di battaglia cantati con Francesco De Gregori nel loro tour in duo.

Nono posto per "Se io fossi un angelo", prima traccia di "Bugie" dell'85. L'album diventa disco di platino.

Decimo posto per "Tu non mi basti mai". Un grande classico, pubblicato nel 2002 in "Canzoni", l'album ha venduto un milione e 300 mila copie.

  • Vai a:
     
     
    ©RIPRODUZIONE RISERVATA
Commenti



Speciali

Video Hot

    • Dal Colle a palazzo Chigi, paura di G...

      Napolitano e Renzi (che lo avrebbe confidato a Berlusconi) temono l'avanzata del M5S alle europee. Intanto per il Quirinale torna il nome di Enrico Letta - Napolitano, il bilancio

    • Bonus in busta paga: tutte le decisio...

      Le comunicazioni in 10 tweet #oraics. Le principali: 80 euro da maggio per 10 milioni di lavoratori, tetto per gli stipendi dei manager pubblici, taglio del 10% per l'Irap e comunicazione delle spese pubbliche entro 60 giorni